Organizzare e Gestire il Tempo con Applicazioni Informatiche

7 settembre 2016 di Daniele Frulla


Share on Google+0Share on Facebook0Pin on Pinterest0Tweet about this on Twitter

Recentemente ho letto un articolo sull’intervista di Melissa Mayer che si è rilevato davvero istruttivo. Raggiungere il successo è possibile a chiunque, ma una qualità più di tutte è richiesta ed è indispensabile: organizzazione.

Organizzarsi può rivelarsi tanto semplice quando la persona è motivata e vuole raggiungere il suo scopo, qualunque esso sia. Online vi sono migliaia di applicazioni che possono aiutarci a pianificare i nostri obbietti.

Agenda per Organizzazione

Solitamente per la pianificazione di progetti si usano i cosiddetti diagrammi di Gantt. Il diagramma di Gantt è una vera e propria pianificazione di un progetto nel tempo. Si suddivide il progetto in sottoprogetti e li si spalmano nel tempo avendo così l’idea complessiva di come un progetto possa evolversi.

Vedete quindi che gestire il tempo nella vita come nella realizzazione dei propri progetti sia essenziale per riuscire in tutte le attività!

Se siamo muniti di internet e di un’applicazione come l’agenda di google possiamo condividere e visualizzare i nostri impegni anche sullo smartphone. Già solamente questo tools potrebbe farci risparmiare ed utilizzare meglio il nostro tempo, per renderci la vita migliore.

Un’altra applicazione installabile su Android è aCalendar.

Tutte queste applicazioni di agende sono abbastanza simili tra loro, occorre saperle usare con consapevolezza per trarne beneficio.

Come utilizzare un’agenda digitale o calendario?

Come per una agenda cartacea occorre selezionare il giorno che ci interessa ed inserire l’impegno o l’attività che deve essere svolta. La nostra agenda sarà diventare la nostra bibbia e una volta che si ha un impegno lo si deve rispettare e concentrarsi solamente sull’attività.

Obbiettivi e Attività

L’obbiettivo che si sceglie è fondamentale, esso deve:

  • suddivisibile in obbiettivi più semplici da raggiungere
  • essere ben valutato 
  • essere raggiungibile

Facciamo un esempio semplice ma che può rendere l’idea di quello che vuol dire organizzarsi: ci prefiggiamo di andare alla ricerca di un lavoro.

In primo luogo dobbiamo chiederci che tipo di lavoro? Se ho studiato informatica presumo che cercheremo di diventare un programmatore o un lavoro affine. Suddividiamo l’agenda e le nostre giornate nelle attività seguenti:

  • Scrivere il curriculum
  • Ricerca aziende informatiche
  • Spedire il proprio curriculum 
  • Organizzare i propri colloqui di lavoro
  • Formazione continua in programmazione

Se non avessimo conseguito un titolo informatico, esso stesso sarebbe stato il primo punto da pianificare come attività per realizzare il nostro obbiettivo lavoro come programmatore.

Il punto è che dovremmo tutti essere consapevoli a come impegnamo il nostro tempo. Più inpiegheremo il tempo in attività costruttive e che ci porteranno ad un risultato e migliore sarà la nostra vita nel futuro.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Copyright di Caterina Mezzapelle Part. I.V.A. 02413940814 - R.E.A. 191812