Motore di Ricerca Semantico

30 Maggio 2008 di Daniele Frulla


Dalle origini della loro comparsa, i motori di ricerca hanno sfruttato le "parole chiave" per eseguire le ricerche …

e vi rimando al nostro articolo . Oggi iniziano a comparire i primi motori a ricerca semantica

Powerset è l’unico motore di ricerca semantico per il recupero delle informazioni su Wikipedia, che mostra il significato delle richieste, fornendo anche eventuali risposte e recentemente ha messo a disposizione un'anteprima del proprio motore di ricerca semantico. Se la tecnologia dovesse essere portata avanti, potrebbe portare ad una rivoluzione del settore.

Teoricamente, utilizzando un algoritmo semantico si eseguono delle ricerche che potrebbero produrre risultati più attinenti ed accurati, fornendo anche alcuni collegamenti. Perchè a differenza dai classici motori di ricerca, Powerset non effettua le proprie ricerche basandosi su alcune parole chiave, ma utilizzando un algoritmo che simula il linguaggio umano. Successivamente I risultati delle ricerche vengono forniti sotto forma di link, spesso accompagnati con alcune porzioni di testo prese direttamente dalla pagina indicata dal collegamento.

Attualmente Google rimane ancora il numro uno, ma lo sviluppo di motori di ricerca di questo tipo potrebbe costituire una vera e propria rivoluzione per il Web.

FusionMan. Jet Per L’Uomo Volante

26 Maggio 2008 di Daniele Frulla


FusionMan. Tuta Per Un Uomo Volante

Si chiama progetto FusionMan. E’ una tuta ed un jet ipertecnologico che permette ad un uomo di volare a velocità supersoniche.

Leggi…

Modello ISO/OSI (Open Systems Interconnection)

18 Maggio 2008 di Daniele Frulla


Il modello ISO/OSI o OSI (Open Systems Interconnection), individua i livelli stardard per una comunicazione di rete. Tutti gli applicativi, devono sempre rispettare questi livelli concettuali per dare modo agli sviluppatori futuri di software di implementare facilmente altre funzionalità.

Vi sono 7 livelli concettuali per una comunicazione di rete

Livello 1: fisico

Obiettivo: trasmettere un flusso di dati non strutturati attraverso un collegamento fisico, occupandosi della forma e del voltaggio del segnale. Ha a che fare con le procedure meccaniche ed elettroniche necessarie a stabilire, mantenere e disattivare un collegamento fisico.

In questo livello si decidono:
  • Le tensioni scelte per rappresentare i valori logici 0 e 1
  • La durata in microsecondi del segnale elettrico che identifica un bit
  • L'eventuale trasmissione simultanea in due direzioni
  • La forma e la meccanica dei connettori usati per collegare l'hardware al mezzo trasmissivo

Livello 2: datalink

Obiettivo: permettere il trasferimento affidabile di dati attraverso il livello fisico. Invia trame di dati con la necessaria sincronizzazione ed effettua un controllo degli errori e delle perdite di segnale. Tutto cio' consente di far apparire, al livello superiore, il mezzo fisico come una linea di trasmissione esente da errori di trasmissione.

Questo livello si occupa di formare i dati da inviare attraverso il livello fisico, incapsulando i dati in un pacchetto provvisto di header (intestazione) e tail (coda), usati anche per sequenze di controllo. Questa frammentazione dei dati in specifici pacchetti è detta framing e i singoli pacchetti sono i frame.

Per ogni pacchetto ricevuto, il destinatario invia al mittente un pacchetto ACK (acknowledgement, conferma) contenente lo stato della trasmissione: il mittente deve ripetere l'invio dei pacchetti mal trasmessi e di quelli che non hanno ricevuto risposta. Per ottimizzare l'invio degli ACK, si usa una tecnica detta Piggybacking, che consiste nell'accodare ai messaggi in uscita gli ACK relativi ad una connessione in entrata, per ottimizzare l'uso del livello fisico. I pacchetti ACK possono anche essere raggruppati e mandati in blocchi.

Questo livello si occupa anche di controllare il flusso di dati: in caso di sbilanciamento di velocità di trasmissione, si occupa di rallentare l'opera della macchina più veloce, accordandola all'altra e minimizzando le perdite dovute a sovraccarico.

La sua unità dati fondamentale è la trama.

Livello 3: rete

Obiettivo: rende i livelli superiori indipendenti dai meccanismi e dalle tecnologie di trasmissione usate per la connessione. Si occupa di stabilire, mantenere e terminare una connessione, garantendo il corretto e ottimale funzionamento della sottorete di comunicazione.

È responsabile di:
La sua unità dati fondamentale è il pacchetto.

Livello 4: trasporto

Obiettivo: permettere un trasferimento di dati trasparente e affidabile (implementando anche un controllo degli errori e delle perdite) tra due host. È il primo livello realmente end-to-end, cioe' da host sorgente a destinatario.

A differenza dei livelli precedenti, che si occupano di connessioni tra nodi contigui di una rete, il Trasporto (a livello logico) si occupa solo del punto di partenza e di quello di arrivo.

Si occupa anche di effettuare la frammentazione dei dati provenienti dal livello superiore in pacchetti, detti 'segmenti' e trasmetterli in modo efficiente ed affidabile usando il livello rete ed isolando da questo i livelli superiori. Inoltre, si preoccupa di ottimizzare l'uso delle risorse di rete e di prevenire la congestione.

La sua unità dati fondamentale è il messaggio.

Livello 5: sessione

Obiettivo: controllare la comunicazione tra applicazioni. Stabilire, mantenere e terminare connessioni (sessioni) tra applicazioni cooperanti.

Esso consente di aggiungere, ai servizi forniti dal livello di trasporto, servizi più avanzati, quali la gestione del dialogo (mono o bidirezionale), la gestione del token (per effettuare mutua esclusione) o la sincronizzazione (inserendo dei checkpoint in modo da ridurre la quantità di dati da ritrasmettere in caso di gravi malfunzionamenti).

Si occupa anche di inserire dei punti di controllo nel flusso dati: in caso di errori nell'invio dei pacchetti, la comunicazione riprende dall'ultimo punto di controllo andato a buon fine.

Livello 6: presentazione

Obiettivo: trasformare i dati forniti dalle applicazioni in un formato standardizzato e offrire servizi di comunicazione comuni, come la crittografia, la compressione del testo e la riformattazione.

Esso consente di gestire la sintassi dell'informazione da trasferire. E sono previste tre diverse sintassi:

  • astratta (definizione formale dei dati che gli applicativi si scambiano),
  • concreta locale (come i dati sono rappresentati localmente)
  • di trasferimento (come i dati sono codificati durante il trasferimento).

Livello 7: applicazione

Obiettivo: interfacciare utente e macchina.

Fornisce un insieme di protocolli che operano a stretto contatto con le applicazioni. È errato identificare un'applicazione utente come parte del livello applicazione.

I protocolli delle applicazioni tipiche di questo livello realizzano operazioni come:

Fonte: Wikipedia

Eye-Fi. SD Card Con Wireless

16 Maggio 2008 di Daniele Frulla


Con l'avvento della fotografia digitale sempre più spesso abbiamo la necessità di connettere la macchina fotografica al PC tramite cavo USB.

Se siete un fotografo e scaricate foto praticamente ogni giorno, la soluzione che vi permetterà di dimenticarvi del cavo USB è Eye-fi wireless

Fotografia Digitale E Eye-fi

Nella fotografia digitale sono importanti diversi elementi:

  1. Una buona macchina fotografica digitale (controllare zoom ottico e pixels).
  2. Il formato della Memory Card utilizzato come supporto di memorizzazione delle foto.
  3. Opzioni aggiuntive, come software, zoom ottico e portabilità.

L'elemento che prenderemo in considerazione sarà la Memory Card. Ve ne sono di diversi tipi, ma quella che ha avuto maggior successo ad oggi è la SD (Secure Digital).

Se dovete acquistare una macchina fotografica dovete essere sicuri che il supporto di memorizzazione sia una SD anche perchè potrete avere il comodo vantaggio di inserirvi la Eye-fi Card.

{youtube}spNSLub8tjs{/youtube}

Eye-fi card è una semplice SD Card che oltre a funzionare come supporto di memorizzazione permette, attraverso una connessione wireless, di scaricare le proprie foto sul PC senza doversi preoccupare più di trovare il cavo di connessione USB per quella specifica macchina fotografica.

Per ora esiste il supporto Eye-fi a 2GB, ma col tempo questa capacità potrebbe anche aumentare.

Attraverso il sito Eye-fi, sarà anche possibile non solo scaricare le foto direttamente sul PC, ma anche condividerle attraverso il servizio di Web Sharing messo a disposizione da Eye-fi ad un maggior costo.

Fonte: www.newstechnology.eu

Costruire Il GPS Con Progetto Open Source

12 Maggio 2008 di Daniele Frulla


GPS Open Source - Costruire il Proprio GPS

Quante persone ad oggi utilizzano la capacità del GPS (Global Position System) in grado di poter localizzare la propria posizione in ogni secondo? Moltissime, e le applicazioni di questa tecnologia sviluppatasi nei reparti di tecnologia militare statunitense si sta diffondendo a macchia d'olio per tutto il globo terrestre.

 

GPS Open Source - Costruire il Proprio GPS

 

 

GPS Open Source

Il progetto Open Source per la costruzione del GPS è fornito da Open GPS Tracker.

Con circa 20$ è possibile costruire il proprio hardware GPS disponibile ancora per pochi cellulari, in particolare il Motorola C168i.

Il progetto, oltre che per GPS può avere diversi altre applicazioni:

Per ogni altra informazione potete scrivere sul forum Open GPS Tracker.

Speriamo che GPS Open Tracker abbia risvolti interessanti ed un seguito.

 

Fonte: www.newstechnology.eu  

SmartPen. La Penna Registra I Tuoi Appunti

11 Maggio 2008 di Daniele Frulla


Livescribe ha ideato la penna che registra la lezione, scannerizza tutto quello che scrivi e può riprodurlo sul tuo PC.

Tutto quello di cui hai bisogno è solamente una penna che prende il nome di Pulse

Con Pulse può davvero avere a disposizione una stazione mobile per memorizzare tutti i tuoi appunti e successivamente organizzarli in file PDF tramite a piattaforma che Livescribe mette a disposizione degli utenti.

Ogni persona è in grado di usare una penna ed è proprio per questo che si pensa che questa tecnologia possa avere un enorme successo.

{youtube}DE-mnEdAf7g{/youtube}

La penna Pulse aiuta chi ancora non ha preso abbastanza confidenza con la tecnologia informatica nella stesura di appunti anche aiutandosi da registrazioni audio.

Fonte: www.newstechnology.eu  

Collaborare Con Brainstorming E le Mappe Mentali

10 Maggio 2008 di Daniele Frulla


Tra le moltissime risorse ce ci propone il Web 2.0 vi sono forme di lavoro collaborative online.

Vi potete trovare a centinaia di chilometri di distanza e potrete condividere il vostro lavoro di brainstorming. Il brainstorming è una tecnica collaborativa di gruppo che permette la risoluzione di un problema attravere la creatività di tutte le persone che partecipano al team.

Come utilizzare il brainstorming online

Per cooperare occorre in primo luogo individuare una persona che disegni il risultato delle idee che al gruppo verranno per risolvere il problema che ci si pone.

Il problema va scomposto in più sotto problemi più semplici fino al raggiungimento della soluzione finale che è data dalla soluzione di tutti i sotto problemi.

Per cooperare si possono utilizzare semplici strumenti di video conferenza.

Chi disegna la mappa finale di tutto il brainstorming può utilizzare la risorsa online Bubbl.us. Questo applicativo permetterà di disegnare online e salvare in fomato vettoriale la nostra mappa mentale del problema che poi si potrà riutilizzare e caricare nel prossimo meeting.

In questa maniera si potranno individuare le assegnazioni di competenze alla persona più adatta, la difficoltà di risoluzione del problema ed i tempi di risoluzione del problema attraverso le mappe mentali (il risultato finale del brainstorming).

Le mappe mentali sono un valido aiuto in ogni tipo di attività che ci presta ad affrontare nel mondo del lavoro, per cui è davvero conveniente imparare ad utilizzarle al meglio. 

Fonte: www.newstechnology.eu  

BioCombustibili: Fungo Trasforma Piante In Energia

9 Maggio 2008 di Daniele Frulla


RICERCA: DECIFRATO GENOMA FUNGO CHE TRASFORMA PIANTE IN ENERGIA

Un fungo, conosciuto sin dagli anni ’40 perche’ “ghiotto” di uniformi e tende militari, potrebbe essere uno strumento utilissimo per la produzione di biocombustibili. Almeno queste sembrano essere le conclusioni di uno studio pubblicato sulla rivista Nature Biotechnology realizzato da ricercatori dei Los Alamos National Laboratory, del Depertment of Energy e del Genome Institute. I ricercatori hanno sequenziato il genoma del Tricoderma reesei e hanno scoperto importanti meccanismi di come questo piccolo organismo riesca a rompere la cellulosa delle fibre vegetali e a trasformarle in zucchero. La scoperta potrebbe portare alla realizzazione di un sistema molto piu’ efficiente di produzione dell’etanolo da fonte vegetale rispetto ai metodi fin qui messi a punto.

Creare Mp3 Da Video FLV e Youtube Gratis

8 Maggio 2008 di Daniele Frulla


Quante volte abbiamo notato video musicali su Youtube?  Credo milioni di volte!

Questi video si possono scaricare, e così avere a disposizione il formato file video .FLV. Tuttavia si può creare direttamente il file musicale MP3 gratuitamente con il semplice link URL.

Leggi…

BigDog: Il Quadrupede Robot

7 Maggio 2008 di Daniele Frulla


Robot Per Trasporto Difesa Militare

BigDog è il robot quadrupede che cammina, corre, salta su terreni anche molto accidentati e difficili.

Questo tipo di robot nasce da Boston Dynamics una società di ingegneria robotica e simulazione dei movimenti umana e finanziato da DARPA (Defense Advanced Research Project Agency).

 

Per chi non l'avesse mai visto, BigDog simula il movimento di un "Grosso Cane", è lungo 1 metro, alto 0,7 metri e pesa 75 kg.

{youtube}W1czBcnX1Ww{/youtube} 

Può trasportare diverso materiale sulle sue "spalle" e prende la sua energia da benzina che poi mette in funzione un sistema idraulico, ma anche i suoi passi che sbattono sul terreno forniscono altra fonte di energia pulita.

Giroscopi e diversi sensori, attraverso una scheda madre fanno in modo che io robot possa rimanere in equilibrio per tutto il tragitto.

BigDog è uno dei progetti studiati per aiutare l'uomo nel trasporto su terra come potrebbe farlo un animale domestico.

Fonte: www.newstechnology.eu

 

1 2

Copyright di Caterina Mezzapelle Part. I.V.A. 02413940814 - R.E.A. 191812