Spiare Conversazioni A Lunga Distanza A Costo Zero

26 Agosto 2007 di Daniele Frulla


Si possono ascoltare conversazioni a lunga distanza investendo semplicemente 2 dollari.

Si può costruire il proprio strumento per spiare conversazioni con le seguenti attrezzature:

Le istruzioni per costruire la spia di conversazioni è davvero semplice:

  1. Tagliare le giunzioni dove sono collegate le cuffie.
  2. Saldare il sensore a solfuro di cadmio sul filo delle cuffie per formare il circuito in cui la fotocellula funge da resistore.
  3. Mirare il laser collocato su un cavalletto verso la finestra dove avviene la conversazione e posizionare il puntino riflesso sulla fotocellula. Mettere a fuoco il laser sulla fotocellula. Durante il giorno si può proteggere la fotocellula tramite un tubo oscuro, in modo che solamente il laser lo raggiungerà.
  4. Inserire le cuffie nel dispositivo di registrazione ed essere certi che nella stanza vi sia una discussione.
  5. Avviare il vostro software di registrazione e modificare l'ampiezza del segnale in modo che il suono diventi chiaro.

Maggiori informazioni le potrete trovare nel progetto Fondir Cool.

{metacafe}767822/laser_espionage_microphone_how_to{/metacafe}

Fonte: www.newstechnology.eu  

Il Robot Che Spegne Gli Incendi: Insetto Ragno

24 Agosto 2007 di Daniele Frulla


Robot Ragno OLE che spegne un principio di incendio

In Italia, come nel resto del mondo è evidente che nelle stagioni di maggior calore scoppiano tantissimi incendi boschivi.

Il problema potrebbe essere risolto dal Robot Ragno che è stato chiamato OLE.

Non importa se l’incendio sia appiccato da un piromane o sia spontaneo.

Ole rileva con sensore a lungo raggio la presenza dell’incendio, vi si dirige e lo spegne.

Leggi…

Skype: Black Out Risolto Ed Individuato Il Problema

21 Agosto 2007 di Daniele Frulla


Il 15 e 16 agosto 2007 sono state fatali per il software di telefonia VOIP Skype. Per più di 2 giorni gli utenti di Skype non sono riusciti a comunicare.

Il problema sembra essere ormai superato ed individuato.

Il problema non è dovuto ad attacchi hackers, e gli utenti possono stare tranquilli sulla sicurezza del sistema Skype.

Come afferma Villu Arak nel Blog di Skype il problema alla rete peer-to-peer di Skype è stata causata da un riavvio massiccio di PC nel globo terrestre in un lasso di tempo molto ridotto che hanno aggiornato il sistema attraverso Windows-Update.

Normalmente il peer-to-peer di Skype è in grado di autoriparsi, ma in questo caso la particolarità dell’evento ed il grande numero di utenze (circa 220.000.000) hanno mandato in collasso il sistema Skype.

Comunque, tutto bene quel che finisce bene!

Fonte: www.newstechnology.eu

Registrare Il Desktop Con CamStudio

20 Agosto 2007 di Daniele Frulla


Cam Studio

Per chi ha la necessità di registrare una serie di operazioni che si stanno facendo sul Desktop in un video .avi, c’è la possibilità di installare sul proprio sistema Windows l’applicativo Open Source CamStudio.

Leggi…

Lista Delle Adiacenze Per Implementare Un Grafo Con PHP

19 Agosto 2007 di Daniele Frulla


I grafi sono parte integrante della programmazione e diventa affascinante il studiarli e capire il loro funzionamento.

Implementiamo attraverso una classe PHP la rappresentazione di un grafo attraverso la lista delle adiacenze. La struttura è molto semplice, dando un’occhiata al codice si può vedere l’utilizzo dei riferimenti in PHP.

Leggi…

Bug Anno 2038. Stessi Problemi Del Bug Dell’Anno 2000

14 Agosto 2007 di Daniele Frulla


Ancora una volta si annuncia un altro bug simile a quello dell'anno 2000, ma questa volta per l'anno 2038, sui software che si basano sul formato della data POSIX.

I programmatori hanno abbastanza tempo per aggiornare i loro software! 

Qualsiasi programma abbiate per martedì 19 gennaio alle ore 03:14:07 dell'anno 2038, quel giorno, speriamo che sia a 64 bit! Altrimenti rischiate seriamente di incorrere nel 2038 BUG!

Eh si, perchè i sistemi Unix a 32 bit indicano la data con un valore intero di 31 bit più un bit per il segno (positivo o negativo).

Poichè 231 equivale a 2.147.483.647 secondi, ovvero più di 35 milioni di minuti, quindi quasi 600 mila ore, cioè poco meno di 25 mila giorni, ciò significa che più o meno dopo 68 anni dalla data di default (1 gennaio 1970), ovvero alle ore 3.14 e 7 secondi del 19 gennaio del 2038, il contatore andrà in overflow, passando al valore -2.147.483.648 continuando poi ad incrementarsi fino allo zero (per altri 68 anni).

Questo causerà problemi a molti programmi, che evidentemente non sono in grado di gestire la data quando questa passerà ad un valore negativo!

La soluzione? Beh, aggiornare i sistemi di gestione della data con i più nuovi a 64 bit, grazie ai quali il problema non sarà propriamente risolto, ma rimandato di ben 290 milioni di anni! Sistemi di questo tipo sono già ora in vendita e non è difficile immaginare che nei prossimi 30 anni la maggior parte sarà stata sostituita, anche se non stiamo parlando di soli personal computer ma anche di motori di ascensori, forni microonde, distributori di benzina, i cui tempi di aggiornamento sono sicuramente più lunghi rispetto ai normali pc.

Molte altre informazione le potrete trovare sul Bug 2038 che affronta il problema. 

Fonte: www.newstechnology.eu  

Robot Volante Che Aiuta I Vigili Del Fuoco

13 Agosto 2007 di Daniele Frulla


Sembra fantascienza, ma è già realtà. Un robot telecomandato da terra aiuta i Vigili del Fuoco a visualizzare con facilità l'incendio ed avvicinarsi al fuoco dove l'uomo non può arrivare.

Web 3.0

di Daniele Frulla


Web 3.0 è un termine che è stato coniato verso la fine del 2006 con significati diversi per descrivere l'evoluzione d’uso del Web,

inclusa una sua possibile trasformazione in un unico database, in modo da rendere accessibile un’incredibile risorsa di dati, a multiple applicazioni non-browser, allo sfruttamento dell’approccio delle tecnologie di intelligenza artificiale, il web Semantico, il web Geospatial o il web 3D.

Il primo passo verso un "Web 3.0" è la comparsa del Data Web inteso come records di dati strutturati pubblicati in formati interrogabili da remoto e riusabili, come XML, direttamente accessibile attraverso RDF e collegabile come pagine Web. Il Data Web è il primo passo sul percorso verso il pieno Web Semantico. La recente crescita della tecnologia di SPARQL offre un linguaggio di interrogazione standardizzato.

Web 3.0 è usato anche per descrivere un percorso evolutivo, che conduce verso l’intelligenza artificiale che può ragionare sul Web in una maniera quasi-umana. Gli scettici considerano questa una visione non ottenibile, nonostante società come IBM e Google stiano perfezionando nuove tecnologie che producono informazioni sorprendenti; come la creazione di canzoni dalla scansione di informazioni su università musicali sul Web.

Con il termine Intelligenza Artificiale come citato da John Mc Carthy, si intende la scienza e l’ingegnerizzazione nella creazione di  macchine intelligenti. Sebbene il termine Intelligenza Artificiale sia un termine accettato da tutti, altri termini si dimostrerebbero più appropriati come Intelligenza Sintetica o Intelligenza Computazionale. L’Intelligenza Artificiale può essere applicata in vari campi, dalle scienze del computer, alla psicologia, alla filosofia, alla neurologia ed all’ingegneria. Mentre la ricerca si concentra sulla produzione di macchine per automatizzare le attività che richiedono un processo intellettivo, come il controllo e la pianificazione, formulare le risposte alle domande degli utenti, la scrittura ed il riconoscimento facciale. Lo studio si sta specializzando nella soluzione di problemi quotidiani, anche se la più grossa difficoltà consiste nella comprensione; infatti molti critici asseriscono che queste macchine sono state per fare qualcosa, ma non per prendere decisioni.

Il Web 3.0 potrebbe essere la realizzazione del concetto di web Semantico. La ricerca accademica è condotta allo scopo di sviluppare software per ragionare, basato sulla logica di descrizione ed agenti intelligenti per compiere operazioni ragionevoli e logiche, utilizzando set di regole e relazioni logiche, espresse tra concetti e dati sul Web. Non tutti concordano che il Web Semantico sarebbe l'essenza della prossima generazione di Internet.

Il Web Semantico è un’estensione in evoluzione del World Wide Web nel quale il contenuto può essere espresso non solo in un contenuto naturale, ma anche in un formato letto ed usato dai software, per trovare, condividere ed integrare informazioni più facilmente. Invece la pubblicazione semantica si riferisce alla pubblicazione di informazioni usando un linguaggio Web semantico o documenti con segnalibri semantici. E’ adatta ai computer che integrano la struttura ed il significato delle informazioni pubblicate, rendendo le ricerche e l’integrazione dei dati più efficienti.

Il GeoWeb è un nuovo termine che indica la fusione di informazioni geografiche con le informazioni astratte. L’interesse per il GeoWeb è stato avanzato dalle nuove tecnologie come Google Earth, Google Maps, NASA World Wind etc ed è l'ispirazione per portare il GIS (Graphical Information System) sul Web. Il GIS è stata la base per professionisti, governi e comuni per gestire le informazioni del territorio. GeoWeb propone di portare questa possibilità nel Web con la creazione e lo sviluppo di ambienti digitali, simili alla realtà virtuale. In linea teorica dovrebbe avere effetti positivi sulla comprensione del mondo e dei suoi processi, permettendoci di migliorare la gestione delle risorse naturali ed i servizi. Il concetto si accosta a quello che è stato definito Digital Earth (Terra Digitale).

Il Web 3.0 sicuramente non è un punto di arrivo, ma è lo sviluppo naturale di dieci anni di internet, nato con Web 1.0 con i modem a 56Kbps e pagine statiche, Web 2.0 con le prime linee veloci ed i primi siti dinamici con i quali gli utenti potevano scambiare ed organizzare i siti, fino al Web 3.0 dove tutto sarebbe fruibile da qualsiasi punto di accesso.

Ma sarà veramente così o chissa cosa ci attende?

Tutti I Files Compressi Con Un Solo Software

di Daniele Frulla


I formati di compressione sono tantissimi: 7z, ZIP, CAB, RAR, ARJ, LZH, CHM, GZIP, BZIP2, Z, TAR, CPIO, RPM e DEB.

Alla lista se ne possono aggiungere tantissimi altri. Il classico WinZip non basta più per il sistema operativo Microsoft che ha implementato l’algoritmo di compressione Zip . Ecco il software che gestisce i più comuni formati di compressione.

Leggi…

Gestione File Compressi Zip Con Php

8 Agosto 2007 di Daniele Frulla


Il formato di compressione Zip fa parte ormai della nostra tecnologia da moltissimi anni.

Presentiamo un piccolo esempio di come sia possibile gestire file compressi Zip tramite interfaccia web e programmazione PHP. Leggi…

1 2

Copyright di Caterina Mezzapelle Part. I.V.A. 02413940814 - R.E.A. 191812